Associazione Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:














Quando e a chi rivolgerti per i problemi di salute mentale

Può capitare a chiunque di attraversare nella propria vita un momento difficile a tal punto da non riuscire ad affrontarlo adeguatamente con le proprie forze e di sentire l’esigenza di rivolgersi ad una persona competente che sappia non solo ascoltare, ma fornire un aiuto concreto e professionale...VEDI...



PSICOSI:SINTOMI E VARI TIPI DI PSICOSI,TERAPIE PER LE PSICOSI,INTERVENTO A RISCHIO E PRECOCE,FASI DI PSICOSI,COME PREVENIRE LA PSICOSI,COME AIUTARE CHI SOFFRE DI PSICOSI,NOTIZIE AGGIORNATE SUI FARMACI PER LA PSICOSI.


Il termine psicosi viene usato per descrivere i disturbi che influiscono sulle funzioni mentali, con conseguente perdita del rapporto con la realtà. Se una persona ha un disturbo simile si dice che abbia sofferto.
La psicosi è molto comune e si riscontra prevalentemente nei giovani. Gli episodi psicotici colpiscono 3 giovani su 100 per cui è una malattia molto più comune del diabete. La maggior parte dei giovani si rimette completamente.
La psicosi può colpire chiunque ed è curabile come qualsiasi altra malattia.
Quali sono i sintomi?
...Segue...



SCHIZOFRENIA ?,SINTOMI POSITIVI E NEGATIVI DELLA SCHIZOFRENIA,EPISODI PSICOTICI,QUALI SONO LE CAUSE DELLA SCHIZOFRENIA?,DIAGNOSI DI SCHIZOFRENIA,FARMACI PER LA SCHIZOFRENIA,EFFETTI COLLATERALI DELLA SCHIZOFRENIA,SCHIZOFRENIA E RIABILITAZIONE,IL MONDO DEGLI SCHIZOFRENICI,COSA ATTENDERSI DALLO PSICHIATRA,TERAPIA PER LA SCHIZOFRENIA.


Di tutti i disturbi mentali, la schizofrenia è il più difficile da gestire per chiunque ne sia coinvolto. La malattia sconvolge completamente la vita dei pazienti. La malattia può influire profondamente anche sulla vita dei familiari e degli amici, che vedono gli effetti della malattia nel familiare e si trovano a fronteggiare situazioni impegnative per assistere il paziente. Il dover far fronte ai sintomi della schizofrenia può essere particolarmente difficile per i familiari che ricordano quanto attiva e vivace fosse la persona prima di ammalarsi. Molti ritengono ancora che la schizofrenia sia causata da una cattiva educazione o da una scarsa forza di volontà, nonostante numerose evidenze abbiano dimostrato il contrario. La realtà è molto diversa. La schizofrenia è una malattia complessa che si ritiene sia dovuta a diversi fattori concomitanti....Segue...


FARMACI,FARMACI ANSIOLITICI E IPNOINDUCENTI,FARMACI ANTIDEPRESSIVI,FARMACI NEUROLETTICI O ANTIPSICOTICI,FARMACI STABILIZZANTI DELL'UMORE,DISCINESIA TARDIVA E ACATISIA TARDIVA.


                     Ansiolitici - Antidepressivi - Antipsicotici - Stabilizzatori dell'Umore

COSA SONO GLI PSICOFARMACI?



Le Buone Pratiche di cura nei Disturbi del Comportamento Alimentare
La mappa delle strutture e delle associazioni dedicate ai DCA in Italia  


     Il Ministero della Salute, la Presidenza del Consiglio e la Regione Umbria hanno dato avvio a una indagine sullo stato dell'arte dell'assistenza in Italia che portasse alla costruzione di una mappa delle strutture e delle associazioni dedicate ai DCA al fine di garantire ai cittadini affetti da tali patologie e alle loro famiglie migliori livelli di accesso e appropriatezza dell'intervento.


Per sapere di piu visita il sito web:
ANORESSIA E BULIMIA: STRUTTURE PER LA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI






NUOVE DISPOSIZIONI PER PATENTE AUTO DISABILI E NON SOLO

Il Decreto Legislativo n. 59 del 2011 recepisce la normativa comunitaria riguardo il Codice della Strada, e anche le patenti speciali. La Direttiva 2006/126/CE stabilisce infatti tutte le norme per la guida di persone con disabilità.
Il Decreto entrerà in vigore a partire dal 19 gennaio 2013.

Vediamo nel dettaglio le modifiche che apporterà il Decreto, per non farci trovare impreparati...Segue




Provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordi: importi e limiti reddituali per il 2014


Ogni anno vengono ridefiniti, collegandoli agli indicatori dell'inflazione e del costo della vita, gli importi delle pensioni, assegni e indennità che vengono erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi e i relativi limiti reddituali previsti per alcune provvidenze economiche.
Per il 2014 importi delle provvidenze e limiti reddituali sono stati fissati dalla Direzione Centrale delle Prestazioni dell'INPS con Circolare del 17 gennaio  2014, n. 7 (Allegato n.4).

Nella tabella che segue riportiamo gli importi in euro, comparati con quelli del 2013.




PROVVIDENZE ECONOMICHE PER INVALIDI CIVILI:PENSIONI







Social Network
L’AIFA si avvale dei social media (Facebook, Youtube, Twitter), per diffondere a un pubblico sempre più vasto messaggi autorevoli e trasparenti sulla salute e, in particolare, sul corretto impiego dei farmaci.

Il canale Youtube dell’Agenzia propone una selezione sempre aggiornata di interviste, servizi giornalistici, conferenze e altri eventi cui partecipano i vertici istituzionali o i dirigenti dell’AIFA.

L’iniziativa mira a informare, coinvolgere e sensibilizzare i cittadini su tematiche di particolare interesse per la salute e consolidare il ruolo dell’Agenzia come fonte primaria e autorevole di informazioni medico-scientifiche sul farmaco.
 
L’AIFA raggiunge in tempo reale e mette in rete attraverso Twitter gli utenti interessati a informazioni specifiche sulla salute e la sicurezza.

Nella sua la pagina ufficiale su Facebook, l’Agenzia aggiorna costantemente gli utenti sugli atti e i documenti prodotti
AIC, revoche, segnalazioni di farmacovigilanza, note, valutazioni, avvisi, raccomandazioni – e sulle principali determinazioni delle altre Autorità regolatorie, in primis l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e la Food and Drug Administration (FDA). Segnala inoltre, mediante appositi link, i nuovi contenuti del Portale istituzionale.



Gli incontri settimanali dell'Associazione
si tengono ogni giovedì presso
il C.P.S.-C.R.A di Rovato, in via Camillo Golgi n°1

PER GLI UTENTI DEL SITO:
IL SITO DELL'ASSOCIAZIONE "NESSUNO È PERFETTO", È NATO PER COMBATTERE LO STIGMA VERSO I DISTURBI E LE MALATTIE MENTALI.
IL SITO APRE UNA FINESTRA INFORMATIVA PER DISABILI MENTALI E LORO AMICI E FAMILIARI, OFFRENDO INFORMAZIONI PER QUANTO RIGUARDA LA DISABILITÀ, IN PARTICOLARE PSICHICA E MENTALE, OFFRENDO RELAZIONI SU MALATTIE E DISTURBI MENTALI, INFORMAZIONI A TEMA, NOTIZIE SU TERAPIE E FARMACI, SULLE VARIE AGEVOLAZIONI, DIRITTI E DOVERI DEGLI STESSI,ECC...IL TUTTO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DEL SITO!

PER RICHIESTE LAVORATIVE E DI TIROCINIO PRESSO D.S.M E STRUTTURE CORRELATE
D.S.M, Sede Amministrativa Presidio di Iseo, Via Giardini Garibaldi, n°1
Tel: 0309887446 - Fax: 0309887445, E-mail: dsm@aochiari.it

Per richieste di volontariato fare riferimento alla e-mail del sito:
 info@nessuno-perfetto.it

Il sito web
Associazione Nessuno è Perfetto: Malattie e Disturbi Mentali
è conforme all'HONcode



PRIVACY - COOKIES - DIFFUSIONE DEI DATI - CONDIZIONI DI UTILIZZO, VEDI: REGOLAMENTO DEL SITO


SANITÀ NEWS AGGIORNATE


INTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE



Quanto sono diffuse l'anoressia e la bulimia nervosa?
La diffusione dell'anoressia e dellabulimia nervosa è andata progressivamente aumentando nel corso degli ultimi decenni. Oggi si stima che l'anoressia nervosa interessi lo 0,2-0,8% e la bulimia nervosa l'1-2% della popolazione. Il sesso femminile è più colpito rispetto a quello maschile, con un rapporto di 9 a 1. L'età di insorgenza è generalmente nell'adolescenza o la prima giovinezza. Entrambi i disturbi sono più frequenti nelle culture occidentali, nella razza bianca e in particolari gruppi a rischio, nei quali si enfatizzano la snellezza e la forma fisica come prerequisiti per il successo (modelle, danzatrici, atlete).

Le "cause" dell'anoressia e della bulimia nervosa:
Non esiste una causa unica alla base di queste condizioni. Oggi si ritiene che a determinarle concorrano più fattori: alcuni aspetti della personalità (estrema dipendenza dell'autostima dal giudizio altrui e dai risultati raggiunti; perfezionismo) - relazioni familiari distorte - possibili disfunzioni nei sistemi che modulano le sensazioni di fame e sazietà - fattori socio-culturali (messaggi dei mass-media che enfatizzano la magrezza quale prerequisito per il raggiungimento del successo e della felicità).


La cura dell'anoressia e della bulimia nervosa:
Al momento, si ritiene che le maggiori probabilità di successo terapeutico siano garantite dalla contemporanea pratica di counseling dietetico-nutrizionale, psicoterapia e farmacoterapia.
Il counseling dietetico-nutrizionale mira a correggere le abitudini nutrizionali scorrette, attraverso il monitoraggio quotidiano dell'alimentazione (diario alimentare) e l'osservazione di una dieta individualizzata. La psicoterapia si avvale di numerose tecniche, ma attualmente gli indirizzi ritenuti più adeguati sono quello cognitivo-comportamentale (volto a correggere gli schemi mentali del paziente, come la bassa stima di se stesso, o la distorsione dell'immagine corporea, che hanno favorito la strutturazione di comportamenti alimentari incongrui) e quello sistemico-relazionale (che interviene sulle relazioni familiari distorte). La farmacoterapia, per quanto riguarda la bulimia nervosa, prevede la somministrazione di composti (fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina e citalopram) efficaci nel controllo delle crisi bulimiche; mentre per l'anoressia nervosa, mira soprattutto a curare le eventuali patologie psichiatriche associate (depressione e disturbi d'ansia) e a correggere le disfunzioni organiche conseguenti alla denutrizione.
Nei casi in cui non esistano complicanze organiche e si possa contare sulla disponibilità della persona ad accettare la cura e sulla collaborazione dei familiari, il trattamento è di tipo ambulatoriale. Qualora la collaborazione del paziente e/o dei familiari non sia ritenuta sufficiente, si preferisce un trattamento in day-hospital. Il ricovero ordinario in un reparto di degenza si rende necessario soprattutto nei casi di anoressia nervosa con calo ponderale estremo e/o totale rifiuto a rialimentarsi, per cui si deve procedere all'alimentazione mediante sondino naso-gastrico o per via parenterale. Il ricovero è altresì indicato nei soggetti a rischio di suicidio o quando è necessario allontanare il paziente dal proprio ambiente familiare. Una volta raggiunto lo scopo terapeutico primario (correzione del regime dietetico-alimentare, scomparsa delle abbuffate e del vomito, mantenimento di un adeguato peso corporeo), è necessario seguire a lungo la persona per prevenire le eventuali ricadute.

STRUTTURE PER LA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI







Torna ai contenuti | Torna al menu