Associazione Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali - UNREGISTERED VERSION

Vai ai contenuti

Menu principale:














PSICOSI:SINTOMI E VARI TIPI DI PSICOSI,TERAPIE PER LE PSICOSI,INTERVENTO A RISCHIO E PRECOCE,FASI DI PSICOSI,COME PREVENIRE LA PSICOSI,COME AIUTARE CHI SOFFRE DI PSICOSI,NOTIZIE AGGIORNATE SUI FARMACI PER LA PSICOSI.


Il termine psicosi viene usato per descrivere i disturbi che influiscono sulle funzioni mentali, con conseguente perdita del rapporto con la realtà. Se una persona ha un disturbo simile si dice che abbia sofferto.
La psicosi è molto comune e si riscontra prevalentemente nei giovani. Gli episodi psicotici colpiscono 3 giovani su 100 per cui è una malattia molto più comune del diabete. La maggior parte dei giovani si rimette completamente.
La psicosi può colpire chiunque ed è curabile come qualsiasi altra malattia.
Quali sono i sintomi?...Segue...



SCHIZOFRENIA ?,SINTOMI POSITIVI E NEGATIVI DELLA SCHIZOFRENIA,EPISODI PSICOTICI,QUALI SONO LE CAUSE DELLA SCHIZOFRENIA?,DIAGNOSI DI SCHIZOFRENIA,FARMACI PER LA SCHIZOFRENIA,EFFETTI COLLATERALI DELLA SCHIZOFRENIA,SCHIZOFRENIA E RIABILITAZIONE,IL MONDO DEGLI SCHIZOFRENICI,COSA ATTENDERSI DALLO PSICHIATRA,TERAPIA PER LA SCHIZOFRENIA.


Di tutti i disturbi mentali, la schizofrenia è il più difficile da gestire per chiunque ne sia coinvolto. La malattia sconvolge completamente la vita dei pazienti. La malattia può influire profondamente anche sulla vita dei familiari e degli amici, che vedono gli effetti della malattia nel familiare e si trovano a fronteggiare situazioni impegnative per assistere il paziente. Il dover far fronte ai sintomi della schizofrenia può essere particolarmente difficile per i familiari che ricordano quanto attiva e vivace fosse la persona prima di ammalarsi. Molti ritengono ancora che la schizofrenia sia causata da una cattiva educazione o da una scarsa forza di volontà, nonostante numerose evidenze abbiano dimostrato il contrario. La realtà è molto diversa. La schizofrenia è una malattia complessa che si ritiene sia dovuta a diversi
fattori concomitanti....Segue...


FARMACI,FARMACI ANSIOLITICI E IPNOINDUCENTI,FARMACI ANTIDEPRESSIVI,FARMACI NEUROLETTICI O ANTIPSICOTICI,FARMACI STABILIZZANTI DELL'UMORE,DISCINESIA TARDIVA E ACATISIA TARDIVA.


                     Ansiolitici - Antidepressivi - Antipsicotici - Stabilizzatori dell'Umore

COSA SONO GLI PSICOFARMACI?



Quando e a chi rivolgerti per i problemi di salute mentale

Può capitare a chiunque di attraversare nella propria vita un momento difficile a tal punto da non riuscire ad affrontarlo adeguatamente con le proprie forze e di sentire l’esigenza di rivolgersi ad una persona competente che sappia non solo ascoltare, ma fornire un aiuto concreto e professionale...VEDI...


Disturbi del
        Comportamento
Alimentare
Le Buone Pratiche di cura nei Disturbi del Comportamento Alimentare
La mappa delle strutture e delle associazioni dedicate ai DCA in Italia  


     Il Ministero della Salute, la Presidenza del Consiglio e la Regione Umbria hanno dato avvio a una indagine sullo stato dell'arte dell'assistenza in Italia che portasse alla costruzione di una mappa delle strutture e delle associazioni dedicate ai DCA al fine di garantire ai cittadini affetti da tali patologie e alle loro famiglie migliori livelli di accesso e appropriatezza dell'intervento.


Per sapere di piu visita il sito web:
ANORESSIA E BULIMIA: STRUTTURE PER LA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI






NUOVE DISPOSIZIONI PER PATENTE AUTO DISABILI E NON SOLO

Il Decreto Legislativo n. 59 del 2011 recepisce la normativa comunitaria riguardo il Codice della Strada, e anche le patenti speciali. La Direttiva 2006/126/CE stabilisce infatti tutte le norme per la guida di persone con disabilità.
Il Decreto entrerà in vigore a partire dal 19 gennaio 2013.
Vediamo nel dettaglio le modifiche che apporterà il Decreto, per non farci trovare impreparati...Segue



 
 


Elezioni Europee 2014: una pizza vale più di un bimbo disabile presidente Renzi?

Più informazioni su: Costituzione, Diritti dei Disabili, Disabili, Elezioni Europee 2014, Governo Renzi, Matteo Renzi, Napoli, Welfare.
Disabili-Napoli-RenziIeri sera ero con i genitori della associazione Tutti a scuola in piazza Sanità a Napoli per “ricordare” a Renzi che nel suo programma per le elezioni europee la disabilità non aveva trovato nessuno spazio.
Con grande cortesia nei giorni precedenti alcuni militanti del partito democratico mi avevano offerto la possibilità di incontrare il presidente del consiglio a margine del suo comizio. Purtroppo l’incontro – nonostante la disponibilità annunciata – non è avvenuto ed ho solo consegnato dopo una breve presentazione, alla attenta ministro Boschi il testo che segue:
Come siamo diventati presidente Renzi?
Ogni volta che sentiamo esultare qualcuno per una piazza vuota o semivuota la politica ha perso e con essa quelli a cui la politica è dedicata: i cittadini.
Quando ascoltiamo urla scomposte ed insulti simili più ai cori che si ascoltano nelle cattedrali del nostro tempo, gli stadi di calcio, la politica ha perso.
Quando il confronto è solo legato a vincere contro e non “per” qualcuno la politica ha perso.
A Napoli, la associazione Tutti a scuola, una associazione che in un paese normale non dovrebbe esistere continua a credere che la politica potrà restituire dignità ai cittadini.
La politica potrà restituire dignità a condizione di riuscire a stabilire le priorità.
Certo è molto più semplice e gratificante celebrare un evento, una festa, un comizio piuttosto che restituire diritti a chi i diritti sono stati negati.
Dove siamo finiti presidente Renzi?
Che cosa aveva in mente il commissario alla spending review Cottarelli quando, non più tardi di due mesi fa suggeriva con acutezza di tassare le pensioni dei disabili?
Non storca il naso, presidente Renzi, già un suo predecessore, il professore Monti, nel grottesco decreto denominato salva Italia ha creato un vulnus considerando il ristoro derivante da invalidità totale un reddito da tassare. Siamo in attesa che il suo Governo cancelli questa iniqua norma contabile mal camuffata dalle franchigie introdotte che peseranno come macigni con l’ entrata in vigore del nuovo Isee per milioni di famiglie.
Dove siamo finiti presidente Renzi?
Quando nella scuola gli oltre 230.000 alunni disabili, quasi il 90% % con disabilità intellettiva vedono progressivamente ridurre la qualità e quantità del tempo scuola nonostante oltre 25.000 famiglie in questi tre anni si siano rivolte, sempre con successo, ai giudici dei Tar di tutta Italia per vedere riconosciuto il diritto allo studio per il proprio figlio.
Dove siamo finiti presidente Renzi?
Se in palese violazione all’ art. 117 della Carta costituzionale si continuano a non definire in parlamento i Lea ed i Liveas, preziosi strumenti in grado, se finanziati adeguatamente, di ridurre le disuguaglianze tra i cittadini.
Appunto, le disuguaglianze.
La disabilità è questione troppo seria per essere oggetto di un comizio, la disabilità non si combatte con un decimale di pil in più ma si accompagna tutti i giorni con scelte che devono necessariamente essere opzioni fondamentali.
Ed allora, presidente Renzi, dove sono finiti gli oltre 4 milioni, come testimonia il Censis, di disabili italiani nel suo programma per le elezioni europee?
Dove sono finiti i soldi per il fondo di non autosufficienza e quelli del fondo nazionale delle politiche sociali, unici strumenti per politiche di welfare degne di questo nome?
O per caso il suo governo ritiene che con il servizio civile obbligatorio potremo restituire uno stato sociale ai disabili?
Eppure i trattati e le convenzioni che l’Italia ha sottoscritto e la magnifica storia del nostro paese che per primo nel 1977 aboliva le classi differenziali, poi osava chiudere quei lager chiamati manicomi e varava leggi di cui, con buona pace dei sindacati tutti, si è abusato, come la 104 e leggi di cui si finge di ignorare la esistenza come la 328 del 2000?
Lei, presidente Renzi, prosegue ad utilizzare uno slogan suggestivo affermando che l’Italia debba cambiare verso.
Noi le chiediamo, per cambiare verso, di partire proprio dai più fragili: i disabili.
Vedrà che quello è il verso giusto, gli altri sono solo versacci!
E i più deboli di quelli non hanno proprio bisogno.”
Attendiamo risposte.



Provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordi: importi e limiti reddituali per il 2014


Ogni anno vengono ridefiniti, collegandoli agli indicatori dell'inflazione e del costo della vita, gli importi delle pensioni, assegni e indennità che vengono erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi e i relativi limiti reddituali previsti per alcune provvidenze economiche.
Per il 2014 importi delle provvidenze e limiti reddituali sono stati fissati dalla Direzione Centrale delle Prestazioni dell'INPS con Circolare del 17 gennaio  2014, n. 7 (Allegato n.4).

Nella tabella che segue riportiamo gli importi in euro, comparati con quelli del 2013.


PROVVIDENZE ECONOMICHE PER INVALIDI CIVILI:PENSIONI

Come la legge di Stabilità 2013 ha cambiato le detrazioni per carichi di famiglia





Social Network
L’AIFA si avvale dei social media (Facebook, Youtube, Twitter), per diffondere a un pubblico sempre più vasto messaggi autorevoli e trasparenti sulla salute e, in particolare, sul corretto impiego dei farmaci.
Il canale Youtube dell’Agenzia propone una selezione sempre aggiornata di interviste, servizi giornalistici, conferenze e altri eventi cui partecipano i vertici istituzionali o i dirigenti dell’AIFA.
L’iniziativa mira a informare, coinvolgere e sensibilizzare i cittadini su tematiche di particolare interesse per la salute e consolidare il ruolo dell’Agenzia come fonte primaria e autorevole di informazioni medico-scientifiche sul farmaco.
L’AIFA raggiunge in tempo reale e mette in rete attraverso Twitter gli utenti interessati a informazioni specifiche sulla salute e la sicurezza.
Nella sua la pagina ufficiale su Facebook, l’Agenzia aggiorna costantemente gli utenti sugli atti e i documenti prodotti
AIC, revoche, segnalazioni di farmacovigilanza, note, valutazioni, avvisi, raccomandazioni – e sulle principali determinazioni delle altre Autorità regolatorie, in primis l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e la Food and Drug Administration (FDA). Segnala inoltre, mediante appositi link, i nuovi contenuti del Portale istituzionale.


il C.P.S.-C.R.A di Rovato, in via Camillo Golgi n°1
il C.P.S.-C.R.A di Rovato, in via Camillo Golgi n°1

PER GLI UTENTI DEL SITO:
IL SITO DELL'ASSOCIAZIONE "NESSUNO È PERFETTO", È NATO PER COMBATTERE LO STIGMA VERSO I DISTURBI E LE MALATTIE MENTALI.
IL SITO APRE UNA FINESTRA INFORMATIVA PER DISABILI MENTALI E LORO AMICI E FAMILIARI, OFFRENDO INFORMAZIONI PER QUANTO RIGUARDA LA DISABILITÀ, IN PARTICOLARE PSICHICA E MENTALE, OFFRENDO RELAZIONI SU MALATTIE E DISTURBI MENTALI, INFORMAZIONI A TEMA, NOTIZIE SU TERAPIE E FARMACI, SULLE VARIE AGEVOLAZIONI, DIRITTI E DOVERI DEGLI STESSI,ECC...IL TUTTO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO.

PER RICHIESTE LAVORATIVE E DI TIROCINIO PRESSO D.S.M E STRUTTURE CORRELATE
D.S.M, Sede Amministrativa Presidio di Iseo, Via Giardini Garibaldi, n°1
Tel: 0309887446 - Fax: 0309887445, E-mail: dsm@aochiari.it
Per richieste di volontariato fare riferimento alla e-mail del sito:  info@nessuno-perfetto.it



PRIVACY - COOKIES - DIFFUSIONE DEI DATI - CONDIZIONI DI UTILIZZO, VEDI: REGOLAMENTO DEL SITO


Il sito web
Associazione Nessuno è Perfetto: Malattie e Disturbi Mentali
è conforme all'HONcode





Torna ai contenuti | Torna al menu