Associazione Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali


Vai ai contenuti

Menu principale:











COME AIUTARE CHI SOFFRE DI PSICOSI

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > LE PSICOSI


Renderti conto che una persona cara abbia la psicosi può essere una cosa sconvolgente. Forse ti sentirai scioccato, confuso, sconvolto e colpevole. Non esiste un modo giusto o sbagliato di reagire alla situazione.Riconoscere il problema è di per sè molto duro, dato che è facile scambiare la psicosi con gli alti e bassi che attraversano i giovani. Probabilmente vorrai fare un sacco di domande e non sai che cosa fare. Vorresti dare aiuto, ma non sei sicuro sul modo migliore di farlo.

Dove posso rivolgermi per avere aiuto?

È difficile sapere a chi rivolgersi per avere aiuto. Per la famiglia, il partner o gli amici decidere di cercare aiuto comporta molte difficoltà. La persona che soffre di un episodio psicotico potrebbe non volere aiuto o addirittuta non voler riconoscere che non sta bene.
È quindi estremamente duro farcela da soli in simili frangenti.
La persona malata ha bisogno di aiuto professionale per poter sapere esattamente che cosa sta succedendo ed il tipo di terapia di cui necessita. La famiglia, il partner e gli amici hanno invece bisogno di aiuto professionale per poter capire che cosa sta succedendo e come potersi coinvolgere nel processo di valutazione, di terapia e di ricupero.
Un buon punto di partenza è recarsi dal medico locale, al centro sanitario comunitario o ad un servizio della salute mentale per sapere cosa devi fare e dove devi recarti per la terapia. All'inizio la cosa più importante è capire che cosa sta succedendo ed avere aiuto che sia adeguato al caso.
Se non riesci a trovare nessuno che ti possa consigliare sul da farsi oppure non ottieni alcun risultato, devi cercare. Parla col medico locale sulle possibilità della psicosi oppure mettiti in contatto con organizzazioni ed enti di supporto.

Posso essere d'aiuto durante la terapia?
Dopo aver trovato un servizio della salute mentale o un professionista esperto nella cura della psicosi i seguenti accorgimenti potrebbero esserti utili:
•Cerca di lavorare in collaborazione con l'èquipe medica ai fini della guarigione del paziente.
•Chiedi il nome e cognome ed il numero telefonico dei professionisti che fanno parte dell'èquipe medica.
•Chiedi in modo specifico qual'è il ruolo di ciascun professionista ora ed in futuro. Informati a chi devi telefonare in un caso di emergenza e prendi nota di tutte le informazioni che ti vengono date.
•Chiedi di avere una riunione con i professionisti principali dell'èquipe medica ed abbi pronta una lista con le domande che vuoi fare. Scrivi liberamente le risposte che ti vengono date.
• Chiedi di avere riunioni periodiche e fatti dare l'orario del prossimo appuntamento. Fai domande specifiche e se qualcosa non ti è chiaro, chiedi che ti vengano date spiegazioni.
• Chiedi dove puoi procurarti altre informazioni. Per esempio se si tengono specifiche sessioni educative o se è disponibile materiale da leggere.

Come debbo comportarmi con chi soffre di psicosi?
Se ti trovi insieme ad una persona che si trova in uno stato psicotico e che si comporta in modo strano,potresti aver paura o magari provare un senso di frustrazione. L'importante è tener presente che è sempre tuo figlio, figlia, moglie, marito, partner o amico. Se una persona non sta bene è difficile che sia quella di sempre.
Spesso le famiglie e gli amici chiedono ai medici come dovrebbero comportarsi o parlare con una persona che si trova in uno stato psicotico. In questi casi non ci sono regole fisse, tuttavia i seguenti accorgimenti possono essere utili.
Sii te stesso.
Sii informato e tieni presente che si comporta o parla in modo diverso dal solito a causa dei sintomi psicotici.
Tieni presente che i sintomi psicotici sono stressanti per tutti e che potresti provare una ridda di emozioni-shock, paura, tristezza, rabbia, frustrazione, disperazione.
Parla con altre persone perchè ti sarà utile per far fronte a queste emozioni.
Abbi fede che si rimetterà - anche se ci vorrà del tempo.
Sii paziente.
Quando si trova nella fase acuta della psicosi potrebbe sembrarti come un bambino piccolo.
A volte ha bisogno di sentirsi in un ambiente sicuro e confortevole ed ha bisogno di aiuto per prendere delle decisioni.
Non te la prendere se ti dice parole offensive quando non sta bene.
Quando si trova nella fase acuta della psicosi ha idee e convinzioni fisse, perciò non ti mettere a fare lunghe discussioni, ma ascolta con interesse quello che dice per poter capire la sua realtà.


FONTE: Orygen Youth Health 2011

ATTENZIONE!!! EVENTUALI DECISIONI CHE DOVESSERO ESSERE PRESE DAI LETTORI, SULLA BASE DEI DATI E DELLE INFORMAZIONI QUI FORNITI SONO ASSUNTE IN PIENA AUTONOMIA DECISIONALE E A LORO RISCHIO. LE INFORMAZIONI QUI RIPORTATE HANNO CARATTERE PURAMENTE DIVULGATIVO E ORIENTATIVO; NON SOSTITUISCONO LA CONSULENZA MEDICA.

L'ASSOCIAZIONE E IL D.S.M | MALATTIE E DISTURBI MENTALI | PSICHIATRIA INFANTILE | MALATTIE RARE ESENTI DA TICKET | ASSOCIAZIONI PER DISABILI | AGEVOLAZIONI PER DISABILI | CAMPAGNE D'INFORMAZIONE | Mappa del sito








Torna ai contenuti | Torna al menu