COSA ATTENDERSI DALLO PSICHIATRA - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








COSA ATTENDERSI DALLO PSICHIATRA

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > LA SCHIZOFRENIA


COSA ATTENDERSI DALLO PSICHIATRA

La procedura per la diagnosi e il trattamento del paziente prevede che lo psichiatra:

  • prenda nota dell'anamnesi dettagliata

  • verifichi l'eventuale presenza di problemi causati da altre malattie (fisiche o psichiatriche)

  • sia ben informato sui farmaci antipsicotici

  • segua il paziente in modo attenti

  • effettui aggiustamenti della terapia se necessari

  • riveda regolarmente il trattamento

  • sia interessato al benessere generale del paziente e segua anche gli aspetti relativi al consulto di uno specialista, alla sistemazione domiciliare, all'assistenza sociale e finanziaria

  • illustri chiaramente cosa sta succedendo e cosa è stato pianificato per il trattamento del paziente

  • coinvolga la famiglia nel programma terapeutico.


A causa della natura stessa del disturbo, alcuni pazienti con schizofrenia possono negare di aver bisogno di un trattamento, rifiutandosi di assumere i farmaci prescritti o interrompendo la terapia a causa degli effetti collaterali Per questi pazienti è difficile ricordare di assumere i farmaci a causa della disorganizzazione del pensiero di cui soffrono. Familiari ed amici, se coinvolti nel programma terapeutico, possono essere estremamente utili per verificare che il paziente assuma regolarmente i farmaci, ricordandolo quando se ne dimentica o rammentando i problemi che possono essere insorti nelle occasioni in cui il paziente si sia rifiutato di assumere i farmaci.

E' estremamente importante che le persone affette da schizofrenia continuino ad assumere i farmaci anche dopo la dimissione dall'ospedale. L'interruzione del trattamento o delle visite di controllo spesso determina la ricomparsa dei sintomi psicotici. Per contribuire alla guarigione del paziente, è importante incoraggiarlo a continuare il trattamento ed assisterlo nel corso del programma terapeutico. Se non trattati, alcuni pazienti diventano così psicotici e disorganizzati al punto da non riuscire a prendersi cura delle proprie necessità di base, quali l'alimentazione, il vestirsi e l'assicurarsi un riparo. Molto spesso, le persone affette da gravi disturbi mentali come la schizofrenia finiscono per strada o in carcere, dove raramente ricevono le cure necessarie.

Le persone vicine ai pazienti con schizofrenia spesso non sono in grado di rispondere alle affermazioni strane o realmente infondate che essi formulano. Al paziente con schizofrenia, le convinzioni bizzarre o le allucinazioni sembrano reali e non fantasie immaginarie. Anziché tentare di "assecondare" i deliri del malato, i familiari o gli amici possono fargli notare che non vedono le cose allo stesso modo o che non sono d'accordo con le sue conclusioni, pur dando atto del fatto che la realtà può apparire diversa al paziente.

In alcuni casi, è utile che le persone che conoscono il paziente prendano nota del tipo di sintomi manifestati, dei farmaci assunti (compresi i dosaggi) e degli effetti della terapia. La conoscenza dei sintomi che si sono già manifestati aiuta i familiari a prevedere cosa tenere sotto controllo in futuro. Le famiglie possono anche essere in grado di identificare, in modo migliore e prima del paziente stesso, i primi segni di avvertimento di possibili ricadute, come ad esempio un'eccessiva tendenza all'isolamento o variazioni nel pattern del sonno. In questo modo, è possibile prevedere con un certo anticipo il ritorno della psicosi e il trattamento tempestivo può impedire la ricaduta completa. Inoltre, conoscendo quali farmaci sono stati vantaggiosi e quali invece hanno causato effetti collaterali problematici, la famiglia può aiutare lo specialista che ha in cura il paziente ad identificare più rapidamente il trattamento migliore.

Oltre ad aiutare il paziente a richiedere assistenza, i familiari, gli amici o i gruppi di sostegno possono fornirgli un supporto ed incoraggiarlo a recuperare le proprie capacità. E' importante che gli obiettivi siano raggiungibili, in quanto i pazienti che si sentono sotto pressione e/o ripetutamente criticati dagli altri tendono a subire un ulteriore stress, che può peggiorare i loro sintomi. Le persone affette da schizofrenia, come chiunque altro, devono sapere quando agiscono correttamente. Ai fini dei risultati a lungo termine, è più utile adottare un approccio positivo anziché critico. Questo consiglio si applica a tutti coloro che interagiscono con i pazienti.


 








Torna ai contenuti | Torna al menu