DEMENZA - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








DEMENZA

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > DEMENZA E ALZHEIMER


Il termine "demenza" identifica una perdita di funzionalità mentale, generalmente associata all'età, che comporta problemi di memoria e di ragionamento. La demenza è una perdita di capacità mentali così grave da interferire con la capacità del soggetto di lavorare o di interagire socialmente in modo normale. Questa malattia è caratterizzata da una perdita della memoria a breve e a lungo termine, e da una disintegrazione della personalità, dovuta alla diminuzione della coscienza di sé e della capacità di giudizio. La demenza è un problema di salute pubblica molto rilevante, con un importante impatto sui milioni di persone che ne sono affette e le loro famiglie.

I sintomi della demenza non sono dovuti all'età avanzata. Una grave perdita di memoria non può mai essere considerata una conseguenza naturale dell'invecchiamento. I sintomi sono invece causati da malattie mentali, che sembrano essere più diffuse tra le persone anziane. I sintomi della demenza possono essere stabili o progressivi, a seconda della malattia sottostante e di come viene trattata. Generalmente, una demenza stabile è la conseguenza di una lesione grave, come un trauma cranico o un infarto; essa non progredisce in gravità, ma rimane stabile nel tempo. Al contrario, una demenza progressiva peggiora con il tempo. Questo tipo di demenza è presente in numerosi disturbi mentali gravi.

Indipendentemente dal fatto che si sviluppi all'improvviso o gradualmente, la demenza provoca numerosi sintomi invalidanti, come:

  • perdita di memoria

  • alterazione della personalità

  • scarsa capacità di giudizio e di controllo degli impulsi

  • confusione o disorientamento

  • depressione, paranoia o ansia

  • diminuzione dell'iniziativa

  • deterioramento delle capacità intellettive

  • comportamento ossessivo o paranoia

  • allucinazioni o episodi psicotici.


La caratteristica principale della demenza è rappresentata dal declino delle funzionalità intellettive, che interferisce in modo importante con le normali relazioni sociali e le attività quotidiane.

Ci sono molte condizioni che possono contribuire all'insorgere di problemi di memoria e di demenza, ma la malattia di Alzheimer e la demenza vascolare (o multi-infartuale) costituiscono la vasta maggioranza delle demenze nelle persone anziane. Nel caso della demenza vascolare, i sintomi sono provocati da un apporto insufficiente di sangue al cervello per periodi di tempo prolungati. In alcuni casi la malattia di Alzheimer e la demenza vascolare si manifestano insieme. Altre possibili cause che provocano sintomi simili a quelli della demenza comprendono: infezioni, interazioni tra farmaci, disturbi metabolici o nutrizionali, tumori cerebrali, depressione o altre malattie progressive come la corea di Huntington e la malattia di Parkinson. La demenza è anche uno dei sintomi dell'AIDS, nelle fasi più avanzate della malattia.

È evidente che il principale fattore di rischio per la demenza rimane l'età. Circa il 3% degli uomini e delle donne di età compresa tra 65 e 74 anni è affetto da demenza. Tuttavia, a partire dai 65 anni, la percentuale raddoppia ogni dieci anni: pertanto nelle persone di oltre 85 anni la proporzione è compresa tra il 25 e il 35%. È comunque importante comprendere che la demenza è una malattia che è più diffusa tra le persone anziane, ma non fa parte del normale processo di invecchiamento. È inoltre evidente che l'invecchiamento della popolazione nel mondo comporterà un aumento del numero di persone affette da questa malattia. Se le attuali tendenze demografiche non subiranno variazioni, il numero di persone con demenza potrebbe raddoppiare ogni 20 anni. Finora le cause della malattia non sono conosciute con certezza e non esiste una cura.

Nella maggior parte dei casi, è il coniuge o un altro membro della famiglia a fornire l'assistenza quotidiana alle persone affette da demenza. L'assistenza richiesta da questi pazienti aumenta man mano che la malattia progredisce. Tutto ciò può essere molto stressante per chi li assiste, al punto da minare la loro salute fisica e mentale, la loro vita familiare, il lavoro e la situazione finanziaria. L'assistenza a un paziente con demenza è molto onerosa anche economicamente, sia che la persona viva a casa propria o in una casa di riposo. L'impatto economico della demenza è molto forte e tende a crescere rapidamente, sia a causa dei costi diretti di assistenza vera e propria, sia di quelli indiretti, come le mancate entrate da parte dei pazienti e dei familiari che li assistono.

Le basi biologiche della demenza


Il cervello contiene centinaia di miliardi di cellule nervose (neuroni), ognuna delle quali possiede migliaia o centinaia di miglialia di connessioni con altri neuroni. All'interno delle cellule e tra di esse 'viaggiano' decine di messaggeri chimici - neurotrasmettitori, ormoni e fattori di crescita - che permettono a ciascun neurone di scambiare informazioni con gli altri, nell'ambito di una vasta rete di comunicazione. In qualche punto di questo complesso sistema sta la causa della demenza. Si ritiene che la demenza disgreghi la capacità di pensiero e la memoria agendo sul trasferimento delle informazioni tra neuroni.



Centro d'ascolto: call center per Malattie Mentali e Demenze

Il Centro d'ascolto si pone come punto di riferimento per fornire informazioni sulla malattia mentale e la demenza, sulle terapie ad esse connesse e sui servizi esistenti. Inoltre raccoglie richieste per sostegno personale, informazioni su gruppi di confronto per patologie, sull'associazionismo e offre suggerimenti su cosa fare nei momenti di emergenza... Segue...



 








Torna ai contenuti | Torna al menu