EPISODI PSICOTICI - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








EPISODI PSICOTICI

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > LA SCHIZOFRENIA


EPISODI PSICOTICI

L'improvvisa manifestazione di sintomi psicotici gravi identifica un episodio psicotico acuto. La 'psicosi' rappresenta uno stato mentale che provoca allucinazioni (disturbi della percezione) e/o deliri (convinzioni personali false ma fermamente mantenute, che sono determinate dall'incapacità di distinguere le esperienze reali da quelle irreali). I sintomi negativi della schizofrenia, come l'isolamento sociale, l'eloquio, i pensieri o i comportamenti inusuali, possono essere meno evidenti dei sintomi positivi e possono manifestarsi prima, in concomitanza o dopo l'insorgenza dei sintomi psicotici positivi.

Durante gli episodi psicotici, i pazienti non sono in grado di pensare in modo logico e possono perdere ogni percezione di se stessi e degli altri. Per i soggetti con schizofrenia, le attività di tutti i giorni come articolare i pensieri in modo logico, controllare le emozioni, prendere decisioni e interagire con gli altri diventano difficili. La gravità dei sintomi ed il pattern prolungato e cronico della malattia determinano spesso un alto livello di compromissione del funzionamento.

I sintomi della malattia variano generalmente nel tempo e tendono a peggiorare durante i periodi di ricaduta ed a migliorare durante i periodi di remissione. Alcuni pazienti manifestano solo un episodio psicotico, altri ne manifestano molti durante la vita, ma conducono una vita relativamente normale fra un episodio e l'altro, mostrandosi emotivamente sani e stabili. Tuttavia, i soggetti affetti da schizofrenia "cronica" o che manifestano un pattern di malattia continuo o ricorrente, spesso non recuperano completamente la funzionalità normale e richiedono trattamenti a lungo termine, che comprendono generalmente l'assunzione di farmaci, per controllare i sintomi.

I mezzi di comunicazione ed il mondo dello spettacolo tendono ad associare i disturbi mentali a comportamenti violenti. In realtà i soggetti con schizofrenia non sono particolarmente inclini alla violenza, ad eccezione dei soggetti che già mostravano una tendenza violenta prima di ammalarsi o di quelli con problemi di alcolismo e di abuso di sostanze. La maggior parte dei soggetti con schizofrenia non sono violenti. Piuttosto, tendono ad isolarsi socialmente e preferiscono restare soli. L'abuso di sostanze può aumentare il rischio di reazioni violente nei soggetti con schizofrenia come in qualsiasi altra persona sana. Anche i pazienti che soffrono di sintomi paranoidei o psicotici, che possono peggiorare se il trattamento viene interrotto, sono a rischio di comportamento violento. Quando si verifica una reazione violenta, molto frequentemente essa è mirata a familiari ed amici e spesso avviene in ambito domestico. Il suicidio rappresenta un serio pericolo per questi soggetti. Se il paziente tenta di suicidarsi o minaccia di farlo, è consigliabile rivolgersi immediatamente ad un medico.

La percentuale di suicidi è molto più elevata tra i soggetti con schizofrenia che nella popolazione generale. Circa il 10% delle persone affette da schizofrenia (soprattutto giovani adulti di sesso maschile) si suicidano. Sfortunatamente, è piuttosto difficile riuscire in questi casi a prevedere il suicidio.



 








Torna ai contenuti | Torna al menu