INTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








INTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > DISTURBI ALIMENTARI





I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO?

In Italia circa 3 milioni di persone, pari al 5% della popolazione, soffre di disturbi del comportamento alimentare (DCA): il 95% sono donne, anche se sempre più numerosi sono gli uomini che manifestano questi sintomi e si rivolgono a strutture specializzate1. L’età di insorgenza di queste patologie si colloca
prevalentemente tra i 12 e i 25 anni: l’8-10% delle ragazze e l’0,5-1% dei ragazzi
soffre di anoressia-bulimia e, in questa fascia di età, i DCA rappresentano la prima
causa di morte2. Negli ultimi tempi emerge un preoccupante allargamento delle età
interessate che riguarda in particolare i bambini prepuberi e le donne in età da
menopausa.
Al centro di queste patologie, che possono assumere forme diversificate e
complesse, si trova il trinomio corpo-cibo-peso con i significati che ognuno di
questi assume. Ad esempio, il corpo diviene strumento per manifestare una profonda
sofferenza rendendosi teatro di un disagio altrimenti indicibile. Il cibo diviene l’oggetto
da cui si dipende, sia negandoselo – come nell’anoressia – sia abusandone – come nella
bulimia e nel disturbo d’alimentazione incontrollata (DAI) – . E’ importante
sottolineare che i DCA non sono, quindi, semplici “malattie dell’appetito” o
“patologie da imitazione” di modelli inappropriati ma rappresentano
sintomi di problematiche con implicazioni psicologiche e/o psichiatriche.
Il
sintomo nelle sue diverse forme è sempre frutto di una storia soggettiva, è uno
strumento che la persona utilizza per gestire tematiche angoscianti. Si tratta di un’
‘auto-cura’,
certamente illusoria con effetti devastanti sulla mente e sul corpo; una
soluzione che la persona ha trovato come unica via per gestire difficoltà esistenziali o
per riempire il proprio vuoto interiore. Spesso si riscontrano nella vita di chi soffre di
disturbi alimentari perdite affettive importanti, abbandoni e traumi. E’, inoltre, stimato
che ci sia un’elevatissima incidenza, in chi soffre di disturbi alimentari, di abusi subiti
in età infantile e non elaborati. Il pensiero ossessivo del cibo e del corpo si
pone quindi come una sorta di anestetico che impedisce di avvertire il
disagio e, nello stesso tempo, diviene unico strumento per esprimerlo
.

I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO?

Il DSM IV (Manuale Diagnostico per i Disordini Mentali) distingue i disturbi
alimentari in tre categorie: anoressia, bulimia e DCA non altrimenti specificati.

ANORESSIA


Di solito tutto comincia con una dieta dimagrante: quello che si desidera,
apparentemente, è migliorare la propria immagine. In realtà poi la dieta si trasforma in
un imperativo interiore di nutrirsi di quantità di cibo sempre più irrisorie: la persona
anoressica persegue un ideale di magrezza irraggiungibile, rispetto al quale si sente
sempre inadeguata. L’anoressia quindi si manifesta con una riduzione
drastica dell’alimentazione e del peso corporeo: la fame viene negata,
viene effettuato un calcolo ossessivo delle calorie, un controllo
spasmodico giornaliero del peso. Dietro questa negazione tenace della
fame c’è una disperata bramosia, non solo di cibo. La persona
anoressica ha fame di tutto: di relazioni, di affetti ed emozioni. Per
questa ragione, paradossalmente, rifiuta ogni cosa. E’ nel rifiuto che
cerca un’illusoria autonomia da ogni bisogno e desiderio. L’equilibrio
che si istalla su un illusorio controllo del corpo-cibo-peso serve per arginare il contatto
con le emozioni e le relazioni che non si riescono a controllare e si percepiscono come
pericolose. E’ raro che una persona anoressica chieda aiuto: ha trovato nel rifiuto del
cibo la sua forza e attua in questo modo il suo controllo.

BULIMIA

La bulimia può essere considerata l’altra faccia dell’anoressia. La persona di
solito attraversa alternativamente fasi anoressiche e bulimiche: quando il controllo sul
corpo-cibo-peso non riesce più a reggere si scivola nella bulimia. La persona bulimica
ingerisce enormi quantità di cibo che espelle subito dopo attraverso il vomito
autoindotto o l’utilizzo di lassativi e diuretici; si tratta di un rituale, quello
dell’abbuffata, che nei casi più gravi può essere ripetuto più volte al giorno producendo
gravi effetti sul corpo (compromissione di apparato digerente, esofago, denti e capelli).
La bulimia ha tutte le caratteristiche della patologia da dipendenza e l’oggetto da cui si
dipende è il cibo. I vissuti che accompagnano più frequentemente la bulimia sono la
vergogna e il senso di colpa per il proprio comportamento. La persona vive nel
momento dell’abbuffata una totale perdita di controllo. Si vorrebbe rifiutare tutto,
come nell’anoressia, riprendere il controllo totale, senza però riuscirci. La sensazione
soggettiva è quella di ‘un pozzo buio e profondo da colmare’, un vuoto soggettivo

disperato, che si cerca di riempire attraverso un’assunzione di quantità eccessive di
cibo. A differenza dell’anoressia, dove il corpo porta i segni evidenti del deperimento
fisico, la bulimia non è così visibile: la persona è spesso normopeso. Questo aspetto
accentua ancora di più il vissuto di vergogna: un terribile segreto da nascondere,
qualcosa che deve essere tenuto sepolto e deve rimanere invisibile a tutti.

DISTURBO D’ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA

Spesso si sente parlare di “binge eating disorders (BED)” o di “disturbo
d’alimentazione incontrollata (DAI)” come un allarmante fenomeno in diffusione: in
effetti si tratta di una vera e propria malattia sociale, che interessa un numero sempre
maggiore di persone, anche in fascia pediatrica e adolescenziale. Il DAI infatti coinvolge
il 4% dei bambini europei3: di essi fino al 60% mantiene l’eccesso ponderale in età
adulta. A differenza dell’obesità cosiddetta semplice, conseguenza principalmente di
disfunzioni metaboliche, il DAI è caratterizzato da ricorrenti ingestioni di grandi
quantità di cibo scelto con cura ed assenza di condotte compensatorie successive. La
ripetizione di tale comportamento con le medesime modalità determina lo sviluppo di
una graduale dipendenza ed un conseguente significativo aumento ponderale.
Attraverso lo studio ed il monitoraggio di persone con problemi di DAI è possibile
connotare una tendenza ad utilizzare l’adipe come una sorta di barriera posta a
protezione dalle emozioni e dalle relazioni.
Per una persona, quindi, che già
percepisce difficoltà relazionali ed emozionali o manifesta i primi sintomi di patologie
psichiche, il cibo diventa un anestetico al disagio di vivere, una soluzione magica
seppur parziale delle difficoltà. In realtà questa soluzione illusoria porta la persona ad
isolarsi sempre più: l’aumento di peso influisce negativamente sull’autostima,
innescando reazioni depressive che, a loro volta, portano ad un sempre maggior ricorso
al cibo. E’ difficile per le persone che soffrono di DAI poter chiedere aiuto: spesso si
fraintende il disturbo come golosità smodata o debolezza. C’è vergogna, si ha paura
della derisione sociale. Si ricorre più facilmente ad interventi sul corpo – come il
bendaggio gastrico – , che si dimostrano ben poco risolutivi del problema.
3 Dati “International obesità Task Force”.

LE NUOVE PATOLOGIE DELL’ALIMENTAZIONE

Si assiste oggi ad una diversificazione delle manifestazioni del sintomo: si
riscontra da un lato l’associarsi sempre più frequente ai sintomi alimentari di altre
dipendenze, come l’abuso di alcolici e l’uso di droga; dall’altro si osserva l’emergere di
nuove forme di sintomi alimentari, esempi possono essere la vigoressia e l’ortoressia.
La vigoressia è l’ossessione per la perfezione del corpo, riguarda prevalentemente i
maschi che si percepiscono sempre come troppo magri e poco muscolosi. L’ortoressia,
invece, si riferisce all’ossessione maniacale per i cibi sani e scatta quando si passa da un
semplice interesse per l’argomento a non poter più toccare una pietanza sulla cui
provenienza non si abbiano certezze, modificando la propria alimentazione al punto da
non avere quasi altro pensiero.

ANORESSIE, BULIMIE, DAI E I
MEDIA

Procedendo in questa analisi come conseguenza delle riflessioni
fino ad ora espresse i disturbi alimentari devono essere letti come
una modalità di espressione di una sofferenza soggettiva e
profonda e vanno considerati come sintomo sociale di disagio
: il
contesto può contribuire a diffondere i disturbi alimentari come mezzo attraverso il
quale manifestare un disagio che nasce ed è frutto di una storia personale. Indicativa a
tale riguardo è l’elevata diffusione dei sintomi di disturbi alimentari nella società
occidentale contemporanea che rappresentano la prima causa di morte tra le malattie
psichiatriche. Molti ragazzi e ragazze, nati e cresciuti in paesi non occidentali,
sviluppano a contatto con la nostra società un disturbo alimentare, come espressione di
una difficoltà soggettiva di crescita e di integrazione.
Queste patologie hanno pertanto in comune fattori di rischio modificabili e di
diffusione fortemente influenzata e condizionata dal contesto sociale, dai
condizionamenti del mercato e dalle politiche commerciali, oltre che dai
comportamenti individuali4. A tale riguardo va riconosciuta l’importanza e la
delicatezza del lavoro dei comunicatori (Stampa, Tv, Radio, Pubblicità) in questo
campo. Le informazioni, i contenuti, le immagini che riguardano i disturbi
alimentari e dell’immagine corporea, veicolati attraverso i mezzi di
comunicazione on e off line rappresentano un fattore in grado di
influenzare il contesto sociale, e di conseguenza, anche i comportamenti
individuali.
Si tratta di un fattore di rischio, ovvero un fattore in grado di
aumentare la probabilità che questa sindrome si verifichi e si moltiplichi, che può
trasformarsi in un fattore protettivo e preventivo, in grado di influenzare in
maniera positiva il sociale e, di conseguenza, anche i comportamenti individuali.
Lo scopo di questo opuscolo è creare una sinergia tra il lavoro del clinico e
quello del comunicatore proprio nell’intento di promuovere, attraverso il valore della
responsabilità etica, una buona qualità delle informazioni riguardanti i DCA.
4 Manifesto Nazionale di autoregolamentazione della Moda italiana contro l’anoressia. Ministero per le
Politiche Giovanili e le Attività Sportive, Camera Nazionale della Moda Italiana , Alta Roma–22/12/2006.
ANORESSIE, BULIMIE, DAI E I MEDIA

A partire dal prezioso contributo di clinici e comunicatori che hanno collaborato
a questo progetto, emergono degli spunti riflessivi che non hanno la pretesa di essere
esaustivi o di fornire risposte chiare e definite, ma aprire degli interrogativi su cui vale
la pena soffermarsi.

OGNI UTENTE E’ UNA PERSONA

Chiunque può accedere ai messaggi mediatici: il bambino, l’adolescente, chi
soffre di disturbi alimentari, i familiari coinvolti, persone lontane da questi tipo di
problemi. A partire dalla singola esperienza ognuno interpreta e percepisce il
messaggio in modo personale ed è facile comprendere come i rischi di una
comunicazione poco attenta siano molteplici.
Poniamoci nell’ottica di alcune delle categorie citate e potremo banalmente individuare
alcuni degli effetti meno gravi che uno di questi messaggi può determinare. Un
bambino può rimanere shockato; l’adolescente può cercare nel messaggio soluzioni
illusorie alle problematiche inerenti la fase particolare dello sviluppo in cui si trova; le
persone coinvolte nel problema possono sentirsi giudicate o accattivate da un
messaggio letto in modo inappropriato; chi invece non si sente toccato può allontanarsi
dal messaggio o avallare eventuali pregiudizi. In base ad un’utenza così diversificata
l’interpretazione del messaggio non è solamente quella data nelle intenzioni del
comunicatore ma può assumere aspetti specifici nella percezione di chi la riceve. La
comunicazione, in particolar modo quella che attiene a temi socialmente rilevanti, per
la delicatezza degli argomenti trattati, rischia maggiormente di essere fraintesa e di
passare un contenuto non voluto.

IMMAGINI, NON SENSAZIONALISMI

Le immagini sono potenti strumenti di comunicazione: in una società in cui si
tende a ottimizzare il tempo le immagini vanno oltre e sono ben più potenti delle
parole, trasmettono un’emozione in modo immediato. Esse infatti richiedono meno
INDICAZIONI Itempo di elaborazione rispetto a un testo scritto o ascoltato: anche chi non è
coinvolto direttamente nella percezione del messaggio viene colpito dall’immagine in esso
contenuta e si trova coinvolto nell’elaborazione di un significato. La quantità di
immagini che circolano è talmente elevata da indurre il comunicatore ad utilizzare
figure sempre più crude e shockanti per colpire l’attenzione dell’utente. Il rischio da un
lato è quello di sconvolgere a tal punto da rendere impossibile un’elaborazione più
profonda del messaggio perché troppo angosciante; dall’altro lato è quello di
anestetizzare l’utente già esposto ad un’escalation di immagini violente. L’effetto può
risultare contrario rispetto alle intenzioni del comunicatore. La selezione delle
immagini richiede pertanto una particolare cautela soprattutto nei confronti dei
soggetti più sensibili. La sfida per il comunicatore, soprattutto nel campo sociale, è
quella di uscire dalla dinamica della cruenza affinché un messaggio possa essere
elaborato in modo profondo e reale dall’utente.

PAROLE, NON SUGGERIMENTI

Le parole esprimono concetti e rappresentano realtà la cui interpretazione
talvolta è diversa dalle intenzioni e dal significato che il mittente vorrebbe trasmettere.
Sul tema dei DCA la questione è molto delicata; una descrizione dettagliata dei
comportamenti che caratterizzano i disturbi alimentari o, ad esempio, dei metodi che
vengono utilizzati come condotte eliminatorie da persone che soffrono di bulimia, o
anche degli escamotage adoperati per non farsi vedere da parenti e amici, devono
essere considerati, da parte di chi li propone, come espressione di momenti
estremamente dolorosi dell’esistenza di persone affette da DCA o che alle stesse sono
legate. Sebbene, nella maggior parte dei casi, l’intento sia quello di mettere in allerta
rispetto ai pericoli delle condotte, ciò che nella prassi si ottiene sono consigli e
suggerimenti per chi ne soffre davvero: una sorta di “manuale di istruzioni” che
consente a queste persone di “consolidare” la loro malattia. Le parole dette durante una
trasmissione radio, televisiva, scritte su un giornale o via internet possono, infatti,
provocare dinamiche ignote e incontrollabili anche senza volerlo. Queste, infatti, spesso
risultano perversamente seduttive e fruibili dall’utente che, a causa dell’età (per es.
adolescenza) o di particolari condizioni esistenziali, sia privo di una critica specifica ed
evoluta.

SITI WEB, NON SEMPLICE REALTA’ VIRTUALE

Internet è un potente strumento di comunicazione altamente fruibile, il risultato
ottenuto attraverso il suo uso dipende sempre da chi e da come viene utilizzato. Nel
caso dei numerosi blog pro-Ana (pro-anoressia) e pro-Mia (pro-bulimia) ragazze
giovanissime affette da disturbi alimentari si sostengono reciprocamente condividendo
regole, consigli e trucchi su come ridurre la quantità di calorie ingerite e nascondere il
proprio deperimento. Gli adolescenti sono i primi ad essere attratti da questi siti in
quanto possono ritrovarvi le proprie difficoltà e utilizzare la realtà virtuale per essere
accolti secondo una modalità non giudicante. Non avendo ancora strutturato strumenti
critici per far fronte ai messaggi veicolati all’interno dei blog e non cogliendone la
drammaticità e la pericolosità, possono trovarsi a condividere una filosofia di vita
autodistruttiva. Consegnare nelle mani di questo segmento più fragile della nostra
società le chiavi per raggiungere facilmente questi blog, o spiegare nel dettaglio cosa
essi contengono può rappresentare un modo per rinforzare l’idea che anoressia e
bulimia siano forme di innalzamento spirituale.
Internet è alla portata di tutti ed è pertanto impossibile controllare preventivamente
ogni nuovo materiale introdotto sulla rete: è invece possibile evitare di dare
suggerimenti e indicare link dove possono essere trovate certe informazioni.

FONTI, NON OPINIONI

Se per qualsiasi tipo di messaggio mediatico è importante riportare i riferimenti
completi atti a individuare l'origine delle informazioni inserite e a constatarne la
verificabilità, lo è forse ancora di più nel campo della comunicazione sociale. Si parla
spesso di disturbi del comportamento alimentare: vengono offerte opinioni, soluzioni,
risposte molteplici, ma non tutte sono attendibili. Per poter offrire una lettura adeguata
al fenomeno che tenga conto delle ripercussioni che può avere il messaggio mediatico è
dunque consigliabile rivolgersi ad esperti del settore che abbiano un’esperienza di
studio, ricerca e clinica riconosciuta.

PREVENZIONE, NON SEMPLICE INFORMAZIONE

E’ possibile fare prevenzione dei disturbi alimentari in numerosi modi: tra
questi prezioso è il contributo dei comunicatori. Con le conoscenze corrette e
appropriate sul tema dei DCA è possibile infatti veicolare messaggi più adeguati
attraverso una vera e propria comunicazione sociale. In questo modo i fattori di rischio
e la probabilità di diffusione della malattia possono essere trasformati in fattori
preventivi che contribuiscano realmente a ridurre un problema di rilevanza sociale
attraverso una comunicazione responsabile.

 








Torna ai contenuti | Torna al menu