TRATTAMENTO DELL'ABUSO E DELLA DIPENDENZA - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








TRATTAMENTO DELL'ABUSO E DELLA DIPENDENZA

MALATTIE E DISTURBI MENTALI > ABUSO DI SOSTANZE


Trattamento dell'abuso e della dipendenza


Il primo passo è il riconoscimento del problema da parte del soggetto. Il medico di famiglia può quindi consigliare la terapia più adeguata in caso di tossicodipendenza e consigliare al paziente di rivolgersi a uno specialista.

Spesso le persone che sono diventate fisicamente o psicologicamente dipendenti da una droga si rendono conto che ne stanno assumendo in quantità superiore al solito. Tentano allora di ridurne il consumo in vari modi: diminuiscono la quantità assunta quotidianamente, ne fanno uso solo in determinati giorni, passano ad altre sostanze (per esempio dal whisky alla birra, dalla marijuana all'alcol, dall'eroina al metadone, ecc.) A volte, i tentativi di diminuire la dose comportano un cambiamento di vita (trasferimento o cambiamento di lavoro). Tuttavia, nella maggior parte dei casi, questi tentativi falliscono, con lo stupore e la disperazione dell'individuo. A quel punto, l'individuo si rende conto di non poter più controllare il problema e di dover ricorrere a un aiuto.

Le terapie devono essere adattate alle esigenze dell'individuo, poiché non esiste un unico trattamento valido per tutti i casi. La scelta del trattamento dipende anche dal tipo di droga assunta. Il trattamento comprende le terapie psicologiche, come la terapia comportamentale, e la prescrizione di farmaci che aiutino ad alleviare i sintomi da astinenza. Le aree in cui si interviene comprendono:

  • la disintossicazione (processo nel quale si interrompe l'assunzione della sostanza e si tratta la dipendenza fisica)

  • la prevenzione della ricaduta

  • la gestione della ricaduta

  • la riabilitazione a lungo termine.

 








Torna ai contenuti | Torna al menu