TRATTAMENTO PSICOLOGICO DEI TIC - Nessuno è perfetto:Malattie e Disturbi Mentali

Vai ai contenuti

Menu principale:








TRATTAMENTO PSICOLOGICO DEI TIC

PSICHIATRIA INFANTILE > DISTURBI DA TIC


Comprensione dei Tic ed Intervento



I Disturbi da Tic si suddividono in due principali tipologie:

1. tic transitori: si verificano in diversi bambini con un picco d’età compreso tra i 5 e i 9 anni; in ordine di frequenza le parti del corpo più interessate sono gli occhi, il volto, il collo, le spalle e le braccia.

2. tic cronici: durano più di un anno e possono essere accompagnati da nuovi tic, l’età di insorgenza è compresa tra i 5 e i 9 anni con un picco d’incidenza attorno ai 7 anni; i maschi ne sono affetti con frequenza 3 volte maggiore rispetto alle femmine.

I bambini affetti da tic cronici possono presentare balbuzie, deficit di attenzione, disturbi nell’apprendimento, difficoltà di concentrazione.

I soggetti affetti da questo disturbo, possono avere, infatti, seri problemi nell'ambiente scolastico e lavorativo e possono compromettere non solo le prestazioni e il rendimento, ma condizionare anche, le scelte per il futuro.
Spesso emergono difficoltà di socializzazione, ritiro sociale, umore depresso, soprattutto nella fase adolescenziale, fase in cui l'incontro ed il confronto con il gruppo dei pari è fondamentale per la definizione della propria identità e personalità.
Ai tic, infatti, si accompagnano spesso sentimenti di vergogna, di frustrazione in seguito al rifiuto degli altri o all'ansia per il timore di insorgenza della manifestazione in pubblico.
E’ importante sottolineare che il bambino comunica il suo disagio agendolo nelle sue varie forme. Come tutti i rituali, i tic possono apparire e scomparire in differenti situazioni ed in modo automatico ed involontario. E' importante per i genitori avvalersi della consulenza di uno psicologo, in quanto dei colloqui di informazione e valutazione, ed un intervento psicoeducativo permettono di riconoscere e comprendere il disturbo ed il disagio vissuto dal bambino, e di gestire la situazione con tranquillità.


 








Torna ai contenuti | Torna al menu